L’eco dei conflitti del passato risuona assordante, permeando la nostra quotidianità. L’Europa è ripiombata nell’incubo del conflitto armato, e il futuro si prefigura quanto mai plumbeo e incerto.

Al di là della catastrofe umanitaria e sociale, le conseguenze della guerra fra Ucraina e Russia hanno intaccato molti altri ambiti, fra i quali quello sportivo.

Squadre estromesse da competizioni europee e internazionali, atleti costretti a gareggiare sotto bandiera neutrale, fino ad arrivare ai bandi globali di alcune federazioni nei confronti di atleti russi e bielorussi.

Forse il caso più eclatante, per risonanza mediatica e per la caratura dei personaggi coinvolti, è quello del Chelsea. Club di primissima fascia della Premier League, sotto l’egida del patron Roman Abramovich ha colto i più importanti successi della sua storia. Fra questi si annoverano due Champions League, due Europa League, un Mondiale per Club e svariati campionati inglesi.

Da top club a squadra provinciale

Dopo anni di splendore, conditi da sontuosi acquisti e ingenti capitali investiti, il club di Londra è piombato nel vortice della guerra. L’ormai ex proprietario, a causa dei suoi rapporti con Vladimir Putin, e ben consapevole delle sanzioni che l’avrebbero colpito, ha deciso di mettere in vendita il club, il cui controllo è ad oggi affidato alla Chelsea Charitable Foundation.

La situazione è ai limiti del paradossale: nessuna transazione al di sopra delle 20000 sterline è consentita, il che impedisce di fatto qualsiasi tipo di pagamento, dagli stipendi agli aerei per le trasferte. Soltanto grazie a una deroga potrà terminare regolarmente il Campionato. In attesa di un’offerta per l’acquisto del club, i giocatori si sono visti costretti a pagare di tasca propria le spese della prossima trasferta di Premier, per evitare un viaggio di otto ore in pullman.

Probabilmente atleti, staff e tutti i componenti si salveranno, dato il grande appeal economico e sportivo della squadra. In altri casi, come per i ciclisti della Gazprom-Rusvelo e per i calciatori delle squadre ucraine, le prospettive non sono altrettanto rosee.

Pareva assurdo prefigurarsi un conflitto in Europa nel 2022, ma eccoci qua a raccontarne le tristi dinamiche. Questa è solo una goccia nell’oceano di strascichi generato dalla guerra, ma dimostra quanto a distanza possa colpire.

Link per chi volesse approfondire

Davide Camoirano
22 anni, frequento il 3° anno di Medicina e Chirurgia a Torino. Nel tempo libero leggo, pratico sport e scrivo articoli, sportivi e non solo. Sono appassionato di ciclismo, nuoto, politica, attualità, storia e, naturalmente, medicina, anche se mi piacerebbe aggiungere un tocco di creatività alla mia 'grigia' routine quotidiana.

You may also like

Società

Maracanà

Io ricordo me da bambino, era il 2014 e la colonna sonora di ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × 1 =

More in Sport