Lente d’ingrandimento sui conflitti interni ed esterni: i numeri della guerra nel mondo.

Eccoci nuovamente qui, cari lettori, nuovamente accomodati al nostro tavolino riservato. Oggi apro la discussione porgendovi una domanda: avete mai fatto caso a quanto l’umanità sia conflittuale? Intendo satura di conflitti interni, micro e macro-conflitti, che fanno ormai parte in maniera pressoché intrinseca del nostro mondo. La parola stessa conflitto assume oggi più significati a seconda del contesto in cui viene utilizzata, si è dovuta adattare allo stato di sviluppo mai così avanzato intrapreso dall’essere umano. Certo, è purtroppo rimasto attuale il significato originario della parola: ovvero guerra o, se preferite, contesa rimessa alla sorte delle armi. Questo perché l’essere umano, in fin dei conti, non è ancora riuscito a sconfiggere il virus più pericoloso di tutti: quello dell’inumanità.

L’Europa in guerra: i numeri

Ancora oggi infatti, all’alba del 2023, gli esseri umani continuano ad ammazzarsi barbaramente fra loro, qualcuno per motivi legati a interessi economici mentre qualcun altro per motivi religiosi o contese territoriali. Mettiamo un attimo da parte il nostro pensiero e lasciamo parlare i dati; soffermiamoci a leggere quella che è la reale situazione del nostro bel pianeta.

Nel Vecchio Continente ci sono ben 10 stati implicati in qualche tipo di conflitto, interno o esterno: la Francia combatte i gruppi radicali islamici nel nord del Mali e i separatisti armati del fronte Naziunale Corsu (FLNC) in Corsica; poi la Grecia, impegnata a combattere i vari movimenti rivoluzionari anarchici (FAI/FRI) e di estrema sinistra (FRPC/SRPC) all’interno dei propri confini nazionali.

Come non citare la Gran Bretagna, impegnata anch’essa all’interno del proprio territorio per combattere i gruppi separatisti-indipendentisti legati al nuovo IRA nell’Irlanda del Nord; la nostra Italia, che invece combatte internamente gruppi anarchici (FAI/FRI), gruppi rivoluzionari di estrema sinistra (PAC/GAP/NBR) e gruppi rivoluzionari di estrema destra (NOA/CHH); Ci sono poi l’Armenia, in guerra con l’Azerbaijan per i territori dell’Artsakh, ovvero l’ex Nagorno-Karabakh; la Federazione Russa, impegnata a combattere internamente gruppi rivoluzionari anti-governativi e anarchici legati al FAI/FRI, gruppi terroristici e indipendentisti islamici legati all’area caucasica, alla Cecenia e al Deghestan (MIU/MIIC/ATWH/WQ). Esternamente invece è impegnata a combattere l’Ucraina, prima con l’annessione della Crimea del 2014 poi con l’invasione del 24 Febbraio 2022.

Ma ci sono anche la Spagna, impegnata a combattere internamente i gruppi anarchici del CIMM e, fino a pochi anni fa, il gruppo terroristico indipendentista ETA,; la Turchia, impegnata esternamente in Siria e, internamente, a combattere gruppi indipendentisti e di estrema sinistra legati al Kurdistan (TAK/MRPU/PKK) e i vari gruppi anti-governativi. Come non citare anche l’Ucraina, impegnata a combattere la Federazione Russa di seguito alle già citate vicende e, come se non bastasse, i vari gruppi paramilitari filorussi e ceceni operanti nel paese fin dal 2014.

Uno sguardo al resto del mondo

La stessa cosa accade in tutte le altre aree geografiche del globo: America , Africa e Asia passando per il Medio Oriente.

illustrazione di Luca Soraglia
Illustrazione di Luca Soraglia

In Africa sono 31 gli stati con conflitti interni ed esterni, combattuti dai rispettivi eserciti e circa 300 tra milizie e gruppi terroristici. In Asia invece sono 16 gli stati con conflitti di vario tipo; anche qui combattuti dai rispettivi eserciti e più o meno 200 gruppi armati e milizie di vario tipo.  Arriviamo poi al Medio Oriente dove gli stati con conflitti interni e/o esterni sono ben 7; mentre i gruppi ribelli e le milizie sono più di 260. Anche in America sono 7 gli stati con conflitti di vario tipo; che vedono coinvolti circa 35 tra cartelli della droga e milizie di vario tipo.

Gli stati implicati in qualche tipo di conflitto sono in totale circa 80; mentre i gruppi ribelli ufficialmente riconosciuti, che siano essi terroristici-separatisti o politici, sono ben 880. Questo significa che statisticamente parlando le persone che volenti o nolenti si ritrovano coinvolte in conflitti armati di vario tipo sono circa 2 miliardi, ovvero quasi il 25% della popolazione mondiale.

Il volto della guerra: persone come noi

Questi numeri dovrebbero farci pensare, farci capire che in giro per il mondo ci sono tante situazioni in cui la guerra è silenziosa: non fa chiasso, non si fa notare. Diventando quasi invisibile agli occhi di chi non è direttamente coinvolto; ma c’è e viene combattuta.

Da uomini come me e come te, persone con una vita, un ideale, una fede e una speranza. Persone che spesso si trovano coinvolte senza la possibilità di dire «no»; che pur facendo la guerra sono le prime a non volerla, perché la conoscono e hanno provato sulla propria pelle l’abominio dell’inumanità.

Eppure io sono razionalmente convinto che quest’inumanità, di cui tanto stiamo parlando, sia invece un fattore assolutamente umano: da sempre radicato nella nostra società e per questo pressoché impossibile da sconfiggere; guidato da altrettante variabili assolutamente umane come gli interessi economici e le rivalse di tipo socio-politico.

Come ho già scritto in precedenza, e potrei ripeterlo all’infinito, l’essere umano ha confuso il progresso con lo sviluppo; suscitando così in se stesso una convinzione fortissima di puntare al miglioramento generale mentre le sue azioni, politiche e sociali, lo stanno invece traghettando nella direzione esattamente contraria.


Nicolò Ibba
Classe 1999, mi piace ragionare sui problemi della società e cercare di trovare una soluzione razionale. Nella vita mi occupo di emergenze, lavoro nella più grande istituzione umanitaria del Mondo...ogni tanto cercherò di "lasciarvi" qualcosa del mio lavoro.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

6 − due =

More in Società