Michail Sergeevič Gorbačëv, ultimo leader dell’URSS e segretario del PCUS, si è spento lo scorso 30 agosto. E’ stato un politico di grande rilievo per la Russia. Tentò di unire socialismo e democrazia e di riformare il paese smussandone le asperità. Applicò una politica contrastante con il tradizionalismo sovietico, fondata su Glasnost (trasparenza) e Perestrojka (ristrutturazione).

I cittadini non lo amavano particolarmente, però, perché furono proprio quell’apertura e quelle riforme politiche a determinare l’inevitabile crollo dell’Unione Sovietica. Anche le condizioni economiche, che sino ad allora erano state ottime, peggiorarono molto, ma soltanto perché si rinunciava alla libertà in cambio del benessere economico.

Se la riforma sovietica non procurò i vantaggi sperati in Russia, si rivelò fondamentale altrove. Insperatamente, Gorbaciov ebbe un forte impatto sulle sorti della Guerra Fredda che minacciava il mondo intero. Infatti, fu soprattutto grazie al suo contributo se finalmente quel temutissimo conflitto tramontò e si poté godere di nuovo della pace ormai persa dall’inizio del secolo.

Fu favorevole alla demolizione del muro di Berlino e tale mossa fu importante per il ricongiungimento dell’Europa e il raggiungimento della pace. Il muro fu costruito nel 1961 dalla DDR e divideva la città in Berlino est e Berlino ovest. Quest’ultima era nota come settore occidentale, diviso in tre e governato da francesi, britannici e americani, mentre la parte est era il settore sovietico. Dunque, l’Europa stessa era divisa in due sfere d’influenza: l’una controllata dalla Russia, l’altra dagli Stati Uniti. Le due superpotenze si scontravano a colpi di sanzioni, minacciando di usare le armi nucleari e così tenendo il mondo col fiato sospeso.

La fine della Guerra Fredda fu possibile perché la Russia in quegli anni ebbe un leader dalle idee socialdemocratiche e di gran lunga più equilibrate dei suoi predecessori e successori. Oggi è ancora molto inapprezzato o incompreso, ma forse in futuro la sua gente sarà pronta a rivalutarlo. Intanto, però, Gorbaciov fu molto benvisto in Europa, infatti nel 1990 vinse addirittura il Premio Nobel per la Pace.

“In realtà non si prefisse di cambiare il mondo, ma solo di salvare il suo Paese. Alla fine, non salvò il Paese ma forse salvò il mondo”. David E. Hoffman, “The Dead Hand” (Anchor, 2010).

Antonella Di Palma
Antonella, per gli amici Anto, per i più affezionati Antonellina. Ho trascorso le mie 19 primavere andando instancabilmente a caccia di sogni. Amo guardare le persone e immaginare le loro storie. Mi guardo intorno e cerco di comprendere ciò che posso, ma soprattutto quel che mi è incomprensibile, perché è la chiave per assecondare il mio istinto naturale: scrivere. Lo faccio per dar voce al mondo e a me stessa e per mostrare i sentimenti che, in genere, tutti ci ostiniamo a nascondere perché la loro immensità ci spaventa. Nutro un amore viscerale verso la letteratura, la tenerezza, il francese, i fiori, i romanzi epistolari, le città che non ho mai visitato, i capelli ricci, le perle, la musica, l'azzurro, l'arte, il mare, le parole non soffocate, la luna, le strade di Napoli, il cielo, i gatti, la pioggia, la poesia, il silenzio non imbarazzante, gli abbracci, le passeggiate fianco a fianco. Da sempre sogno di diventare una brava insegnante e di riuscire a tradurre tutto quel che sento in un'opera (memorabile, spero!). Intanto, però, incomincio a frequentare la facoltà di Lettere moderne e a tenervi compagnia qui con immenso piacere!

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

uno × tre =

More in Società