ShareShare

La crisi tra Pristina e Belgrado è ancora accesa: falliti i negoziati tra Kosovo, UE, NATO e Serbia.

Aggiornamento su ciò sta accadendo in queste ore tra Pristina (Kosovo) e Belgrado (Serbia)

L’occidente si dice preoccupato per le ultime dichiarazioni provenienti da Pristina <<Proteggeremo la minoranza serba in Kosovo>>, aggiungendo poi che <<li proteggeremo dalle persecuzioni Kosovare, se non lo fa la Nato con la KFOR lo faremo noi>>. Queste le parole del Presidente serbo Vucic in merito alla crisi ed alla crescente tensione con il confinante Kosovo, stato indipendente che per la Serbia è ancora una propria provincia “ribelle”. Queste parole per l’Europa e l’Occidente simboleggiano il fallimento dei negoziati tra Vucic, l’Unione Europea, la NATO e la sua controparte kosovara Kurti.

Aggiornamento su ciò sta accadendo in queste ore tra Pristina (Kosovo) e Belgrado (Serbia)

Rimane quindi alto il livello di tensione tra Belgrado e Pristina: entrambi li schieramenti continuano ad essere accumulare truppe ai confini. Risulta poi essere in continua crescita il sentimento nazionalista serbo nella minoranza che risiede in Kosovo.

L’atteggiamento della NATO

Aggiornamento su ciò sta accadendo in queste ore tra Pristina (Kosovo) e Belgrado (Serbia)

La NATO, con la missione KFOR, si è mostrata pronta ad intervenire, sia militarmente che diplomaticamente, per difendere l’integrità e l’autonomia del Kosovo. Al momento sono circa quattromila i militari NATO dispiegati sul territorio; non si può escludere però che questo numero possa cambiare nel corso delle prossime ore viste le pressioni del governo Kosovaro.

Il ruolo dell’Albania

Aggiornamento su ciò sta accadendo in queste ore tra Pristina (Kosovo) e Belgrado (Serbia)

E’ importante però sapere che dietro al Kosovo vi è un altro “personaggio” della scacchiera internazionale che assume in questa vicenda un ruolo quasi da protagonista: l’Albania. Il Kosovo è un territorio di fatto conteso tra Serbia e Albania, oltre che per la sua strategicità territoriale, per la composizione dei suoi abitanti: solo il 7% dei suoi cittadini è serba, la restante 93% è albanese. Proprio per questo motivo le ultime elezioni sono state vinte dal partito di Kurti, appartenente alla sfera politica della sinistra nazionalista filo-albanese. Inutile dire che tutto ciò non è andato e tuttora non va tanto a genio alla minoranza serba nel paese.

La situazione risulta essere in continua evoluzione, vedremo in questi giorni come si comporteranno Pristina e Belgrado, ammesso che la tensione per ora non accenna a diminuire.

Nicolò Ibba
Classe 1999, mi piace ragionare sui problemi della società e cercare di trovare una soluzione razionale. Nella vita mi occupo di emergenze, lavoro nella più grande istituzione umanitaria del Mondo...ogni tanto cercherò di "lasciarvi" qualcosa del mio lavoro.

You may also like

Società

Maracanà

Io ricordo me da bambino, era il 2014 e la colonna sonora di ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 + cinque =

More in Società